I colori dei nostri abiti sono parole

I colori dei nostri abiti sono parole

“In qualsiasi epoca, e anche oggi, gli abiti sono sempre stati un mezzo di comunicazione importante, sia a livello sociale che storico e culturale. A seconda della zona geografica, del periodo storico e del contesto sociale, il modo di vestire cambia di pari passo con la cultura del popolo a cui appartiene. Con i loro tessuti colorati e decorati seguendo una precisa simbologia, le varie culture esprimono chiaramente il valore comunicativo nascosto dietro un semplice indumento”. (1)

Il Perù è il luogo dove le parole sono colore. Su Cusco , antica  capitale dell’impero Inca, sventola la bandiera dei sette colori, sette come l’arcobaleno, sette come i  sette punti di energia del corpo umano del chakra…Energia  pura, allegria e gioia; questo è quello che si prova arrivando in Perù, qui  gli abiti tradizionali che indossano le donne sono un inno alla vita, i colori ti circondano, ti investono e avvolgono tutto, si attaccano alle case, al paesaggio, alla terra e al  cielo.

Colori e tessuti peruviani
Colori e tessuti peruviani

Sapete che gli antichi abitanti del Perù, gli Inca, con i  colori trasmettevano informazioni  segrete e tenevano i conti?   Usavano cordicelle colorate per dare informazioni  e annodavano questi  stessi fili di lana colorata per contare. Il  quipu ( strumento che fa ancora discutere gli studiosi) era la loro calcolatrice, il loro foglio Excel, il loro vocabolario.  “Si crede che i quipos fossero utilizzati per calcoli astronomici, fondamentali per la cultura Inca, per formule magiche ma anche per descrivere sommariamente avvenimenti storici ed economici.(2)”

Quipu
Quipu

Sabine Hyland in un articolo pubblicato su “ Current Anthropology” sostiene che  “Le cordicelle sono di 14 colori ( multiplo di 7) e permettono di formare 95 combinazioni diverse”. Pensate che  un cronista spagnolo  affermava che i quipus di fibre animali “mostravano una gran varietà di colori vividi, e potevano raccontare gli avvenimenti storici con la stessa facilità dei libri europei”  e pare che contenessero anche informazioni segrete per i generali in battaglia …. Fantastico vero? !

I colori  usati per gli abiti tradizionali peruviani , sono ancora  tutti naturali e ricavati da foglie di piante, da bacche, fiori o insetti come la cocciniglia dalla quale, pestandola,  si ricava un rosso intenso e vivo;  questo colore è il più usato nell’abbigliamento sia delle donne che degli uomini perché ha due diversi significati: è  il simbolo della passionalità, dell’amore, dell’energia vitale  ( femminile),  ma è anche il colore della forza,  della voglia di vivere, ma anche dell’ira, dell’aggressività e del sangue sparso in battaglia ( maschile).

Colori e tessuti peruviani
Colori e disegni peruviani

Le donne nei  loro abiti tradizionali  portano ancora questi colori intensi e come se non bastasse, sulle trame dei tessuti, ottenuti con telai manuali o meccanici, ricamano fiori o figure geometriche sovrapponendo al rosso il giallo, al giallo il viola, al blu il verde e all’arancio l’indaco, creando così una fantastica tavolozza  di colori sgargianti capace di  parlarci di amore, vitalità, energia, saggezza e ipnotizzare  e incantare chiunque .

Note: 1) Chiara Riccio su Lifegate  2) Wikipedia

Foto dal web[:]

Italiano Inglese